Quando e perché cambiare gestionale.
La Teoria del Barattolo.

https://www.nadivia.com/wp-content/uploads/2019/03/si-si.jpg

Sistema Informativo vs Sistema Informatico

Nel linguaggio corrente il software applicativo viene chiamato sistema informatico. Attenzione però a non confonderlo con il sistema informativo perché sono due cose totalmente differenti.

Il sistema informativo ha l’obiettivo di produrre informazioni utilizzate per il corretto funzionamento dell’azienda.

Il sistema informatico è solo il mezzo utilizzato per svolgere questa attività. Anziché utilizzare carta e penna, vengono utilizzate le tecnologie informatiche.

https://www.nadivia.com/wp-content/uploads/2019/03/spinta-it.jpg

Cosa spinge a cambiare sistema gestionale

Il motivo per il quale periodicamente si ha l’esigenza di cambiare sistema gestionale è nella diversa natura dei due sistemi:

  • Il sistema informativo aziendale è dinamico e si evolve autonomamente al variare delle necessità organizzative.
  • Il sistema informatico, invece, è statico e si evolve solo se viene costantemente allineato alle esigenze organizzative.
https://www.nadivia.com/wp-content/uploads/2019/03/bisogno.jpg

Quando e perché avverti l’esigenza di cambiare sistema gestionale

La teoria del barattolo spiega con semplicità questo fenomeno.

Dal punto di vista dimensionale della struttura organizzativa, le aziende possono essere paragonate ad un barattolo.

Ce ne sono di tutti i tipi e di tutte le dimensioni.

Il contenuto del barattolo rappresenta il sistema informativo aziendale, e cioè le persone, le informazioni e le procedure.

Il tappo in tutto ciò rappresenta il sistema informatico.

Se il contenuto da conservare aumenta, è necessario trovare un barattolo più grande e, quindi, bisogna cercare un tappo adeguato alle dimensioni del nuovo barattolo.

Più semplicemente, se le esigenze informative aumentano, anche la dimensione aziendale è aumentata e di conseguenza anche il sistema informatico deve essere riallineato.

Naturalmente la teoria del barattolo non esiste. A noi piace utilizzarla per spiegare concetti che generalmente vengono rappresentati con un linguaggio poco comprensibile.